Il lungo viaggio delle Sing Song Girls

 

860_Popo_soft_shadow_1925

( continua )

La lunga epopea delle sing song girls nella Old America iniziò non prima del 1840 ma con punte di abnorme ascesa nel periodo della Corsa all’ oro , più o meno tra il 1848 e il 1854. Prima di allora la presenza delle donne tra gli immigrati Cinesi era un evento più unico che raro e riguardava o coraggiosissimi pionieri sfuggiti al clima di guerra che ormai si respirava in Patria oppure consorti di quei pochissimi uomini d’ affari che nell’ America della prima metà del 1800 consisteva in una purissima oligarchia che viveva in palazzi costruiti su misura grazie a impegnativi rapporti diplomatici con le Autorità locali, debitamente ricompensate da ingenti somme di denaro. Costoro portavano con se mogli e favorite, un largo stuolo di fanciulle avvenenti che tuttavia rimanevano relegate a vita nei cortili interni delle magioni, da cui uscivano solo dopo morte.

Continua a leggere

Vita da squaw: una donna efficiente

Donna Ojibwe 1890

( continua )

Il giorno dopo il suo matrimonio la giovane sposa cominciava già la sua giornata di lavoro. La sua condizione era molto diversa in base alla sua qualità di moglie unica o aggiunta. La poligamia non era infrequente tra i Nativi Americani, e veniva praticata sostanzialmente per ragioni pratiche e non religiose o addirittura per vizio, come poi sostennero i conquistatori Europei, particolarmente gli Inglesi. Abbiamo già parlato della preziosità delle donne e delle loro frequenti vedovanze, che le poneva in una situazione ” aperta ” nei confronti della tribù. A ciò si aggiunge la vasta schiera di donne rapite, inizialmente di tribù ostili e poi anche Europee, che costrinsero ad un adeguamento di costume anche in quei gruppi di nativi che normalmente non praticavano la poligamia. Tra le tribù, tuttavia, vigeva un codice di comportamento abbastanza granitico nei confronti delle mogli , che riguardava il singolo quanto l’intera tribù: si escludevano dal matrimonio le parenti di primo e secondo grado per motivi ” igienici “, cioè in virtù dell’obbligo della mescolanza di sangue che per i Nativi era molto importante e che aveva garantito nei millenni la salute del popolo.

Continua a leggere

Ecco i nuovi libri da scaricare GRATIS!

Libri Gratis con patriziabarrera.com Continua la grande iniziativa che sta appassionando tanti tanti lettori amanti della Old America. Devo dire che siete davvero numerosi e la cosa mi fa un piacere indescrivibile! Quando ho iniziato a scrivere questo blog, mossa unicamente dalla passione, non sospettavo di trovare un pubblico così assiduo e ” goloso ” di nuovi post sulla storia e sulla musica della Vecchia America, un mondo che a tanti sembra così lontano e fuori moda ma che invece rappresenta una pietra miliare per la musica moderna internazionale. Sono quindi felice di poter, anche questa settimana, regalarvi materiale di approfondimento in Italiano e in Inglese, che sarà utile a molti per ampliare le proprie conoscenze godendosi nel contempo una buona lettura. Continua a leggere

Aura Lee e le ballate della guerra

Giorni bui stavano per addensarsi sull’America!  Nel mondo che cambiava ormai la spaccatura fra stati del sud e stati del nord era irreparabile.  I primi vivevano un’economia aristocratica e grassa, grazie alle enormi   piantagione di cotone e di tabacco la cui prosperita’ si reggeva sul duro lavoro degli schiavi; i secondi erano ormai industrializzati,fortemente politicizzati e con l’ occhio lungimirante rivolto verso l’Europa. La tradizione degli schiavi in catene era finita da tempo e ormai nessuno di loro  riconosceva  l’Africa come patria d’origine; la  terra natia si era persa tra le nebbie dell’oceano, ed essi per lo piu’ erano inseriti in un contesto sociale di cui occupavano contemporaneamente la parte piu’ bassa ma anche le sue fondamenta.
Continua a leggere