Il Linciaggio di New Orleans: vittime innocenti di una politica razzista

 

 Italian rioters breaking into a Parish Prison, New Orleans, 1891. (Credit: World History Archive/Alamy Stock Photo)

 

(continua )

Negli anni che intercorsero tra l’ omicidio di Guerin e quello del Capitano David Hennessy jr ,James D. Houston aveva fatto strada: divenuto sceriffo nel 1871 e poi elevato al rango di Esattore capo per il quinto Distretto di New Orleans era divenuto quasi un simbolo di restaurazione dei vecchi ideali Vittoriani e razzisti, e ritenuto un modello per i nostalgici esponenti della crema dell’ Aristocrazia locale.  Aveva il grilletto facile e sputava facilmente sui neri e su quegli straccioni degli immigrati Italiani, che per lui erano tutti mafiosi. Tale comportamento, piuttosto che declassarlo davanti all’ opinione pubblica, ne aveva fatto quasi un eroe, osannato dai vecchi Confederati e dai nobili decaduti, che si erano visti soffiare dalla Guerra di Secessione gran parte delle loro proprietà e privilegi. La sua fama era al culmine ed era tanto stimato che, nel 1883, non solo riuscì a farla franca dopo aver ammazzato il  Capo della Polizia del suo Dipartimento ma addirittura questo omicidio rappresentò il trampolino di lancio in una vita di fama e ricchezza, complice il periodo di grande destabilizzazione politica e sociale .

Subito dopo la fine della Guerra di secessione e fino alla fine degli anni ’20 la Louisiana e in particolare l’ area di New Orleans, era una vera polveriera in grado di saltare per una minima scintilla. Soprattutto in periodo di elezioni bande di sobillatori al servizio di questo o quel candidato usavano  minacciare fino dentro le proprie case i possibili elettori, spingendosi quasi davanti alle urne ed esponendo in bella vista armi contundenti e pistole. Ciò non solo riduceva enormemente l’ affluenza alle urne ma generava scontri armati alla luce del sole tra gli scagnozzi di questa o di quella fazione. Era quindi necessario, per i candidati, circondarsi di una vera e propria Forza Armata che li difendesse dalle teste calde e che soprattutto rappresentasse uno scudo per i loro elettori. Houston , con il suo passato da poliziotto, fu quindi assoldato dal candidato Samuel D. McEnery perché gli coprisse le spalle durante tutta la campagna politica.

IL 14 dicembre 1883, inspiegabilmente e in corso di elezioni, ci fu una sparatoria proprio davanti al Municipio, dove si stavano raccogliendo i votanti. Non è chiaro come siano andate le cose ma sembra che in seguito ad un tafferuglio tra esponenti di fazioni rivali qualcuno abbia impugnato una pistola e che l’ ardimentoso Houston si sentisse quasi autorizzato a sparare a raffica tra la folla piuttosto che a cercare di riportare l’ ordine. Quando il fuoco cessò per terra rimasero colpite a morte varie persone, una delle quali era l’ amatissimo e integerrimo Capo della Polizia Michael J. Fortier oltre al deputato Eugene Masson, diretto rivale di Samuel D. McEnery.  Per tutti fu palese che ci fosse premeditazione da parte di Houston nel far fuori Masson. Non era ancora chiaro il coinvolgimento di Fortier nell’ oscura faccenda, ma il Capitano era conosciuto come una persona tutta d’un pezzo, inattaccabile e incorruttibile, quindi è probabile che sia stato chiesto ad Houston precedentemente di avvicinarlo per “ chiudere un occhio “ sulle manovre di convincimento sui votanti in fase elettorale e che Fortier si sia rivelato un osso troppo duro e inscalfibile. La sua morte era quindi auspicabile.  Comunque sia Houston fu arrestato, anche perché il fatto si era svolto davanti a numerosi testimoni oculari.  Il processo andò avanti per un po’ma non concluse nulla. Quando infine il Sindaco di New Orleans Joseph Shakspeare  entrò occultamente ma decisamente in gioco il processo finì con l’ assoluzione piena di Houston riguardo a ciò che venne definito come un  “ tragico incidente “.  I legami di Houston con la politica si fecero ancora più stretti l’ anno successivo, quando il Deputato John Kelly lo invitò a parlare alla Convenzione Democratica dello stato dell’ Ohio. Houston fece sfoggio della sua migliore parlantina e promise di creare nella propria città, New Orleans, un’ Associazione Democratica Giovanile, cosa che poi fece. Nel decennio che seguì il suo attivismo nel Partito Democratico ne consolidò il  giro d’affari nella città, fino quasi a concedergli un vero monopolio sul traffico import-export al Porto, in netta rivalità con l’ attività prima di Macheca e poi degli Stuppagghieri. Houston divenne il portavoce di una società reazionaria e razzista, impregnata di criminalità e affari sporchi nascosta dietro una facciata moralista e perbenista. Un vero specchio dei tempi, l’ incarnazione vivente di un’ America entusiasta della propria natura superiore Ariana, chiusa in se stessa e acerrima nemica degli immigrati, in special modo se Italiani. Costoro rappresentavano una vera spina nel fianco per la società ” bene “ di New Orleans: erano scuri di pelle come i negri, sporchi e animaleschi. Tuttavia per la Legge Americana erano classificabili come “ mezzi bianchi “ e quindi godevano di numerose libertà che ai negri erano precluse, come quella di aprire attività commerciali autonome e fiorenti , in grado di entrare in dichiarata competizione con quelle gestite dai “ puri Americani”. Nel 1890 gli Italiani erano proprietari di più di 3000 imprese all’ ingrosso o al dettaglio al Porto,  e in pratica l’ intera città di New Orleans dipendeva dal commercio delle derrate fresche e succulente che arrivavano dalla Sicilia.

 

James D Houston

James D. Houston non amava apparire in prima persona, dunque è difficile reperire immagini ufficiali di lui. Ecco però un bel trafiletto del New Orleans magazine dell’ epoca in cui viene descritto come uomo integerrimo, grande imprenditore e personalità di spicco della città.

 

La mafia controllava queste attività e le gestiva con la complicità oscura della Polizia e dei Partiti Politici locali, che incassavano grosse fette dai guadagni , e si parlava di centinaia di migliaia di dollari. Per i businessman rampanti come Houston la mafia rappresentava un vero ostacolo, un potere a cui era necessario sottomettersi e piegarsi e che interferiva con la sua ambizione espansionistica al Porto di New Orleans, che accoglieva circa la metà dei prodotti esteri che arrivavano  in America.  Per spazzarla via e sostituirsi ad essa era necessario un pretesto efficace e violento, ma tale da figurare come un atto necessario per la salvaguardia del bene collettivo e dell’ incolumità nazionale.  L’ occasione gli si presenterà nel 1891, quando divenne l’ ispiratore e l’ esecutore materiale del linciaggio degli Italiani.

Ma in tutta questa faccenda c’è un’ altra persona che ricoprirà un ruolo chiave nel massacro, divenendo l’ altra metà di Houston, quella dichiarata e aperta e che si assumerà di petto non solo la responsabilità ma anche l’ “ onore “ del linciaggio : sto parlando del Sindaco di New Orleans, il già nomato  Joseph Shakspeare.

Per farvi capire il soggetto, Shakspeare era diventato Sindaco nel 1880 dopo aver accettato di militare nelle fila della Regolare Organizzazione Democratica ( The Ring), una coalizione di Riformatori che si era formata già subito dopo la Guerra di Secessione, il cui fine ultimo era la restaurazione dei vecchi ideali Vittoriani e razzisti in pieno conflitto con quelli Repubblicani. Era una coalizione molto violenta, collusa con la mafia e invischiata in grossi scandali  e una forza contrastata già all’ interno del Partito Democratico che spesso ne prendeva le distanze , ma che tuttavia grazie ad essa riuscì a tornare al potere già nel 1877..

E’ inutile dire che il primo atto restaurativo del Partito Democratico  fu quello di emanare le tristemente famose Leggi Jim Crow, decurtare gli Afro-Americani del potere elettivo e stimolare tutti i peggiori sentimenti razzisti Americani .

Sulla scia dei principi  Democratici Shakspeare  commissionò un monumento alla eroica figura del Generale Lee, il cui ricordo nei veterani Confederati era ancora vivido e puro, come anche la sua profonda convinzione che “ la schiavitù, benchè da aborrire per i bianchi, era tuttavia auspicabile per i neri, inferiori per nascita, che ne sarebbero stati sicuramente beneficiati nell’ anima e nella mente “.

Più discutibile l’ altro monumento che fece erigere, quello commemorativo del Battle of Liberty Place, evento in cui,  subito dopo la guerra di secessione,  una massa di infervorati Confederati profondamente convinti della supremazia dei bianchi e in qualche modo legati al Ku Klux Klan, cercarono di rovesciare il governo Repubblicano della città combattendo sia contro la Polizia locale che contro le truppe Federali.  Insomma, lavorò sulla testa della gente per tutto il primo mandato sfidando minacce e lotte intestine tra le due coalizioni nel seno del Partito Democratico: per questo alla fine del suo mandato lasciò il passo a William J. Behan, il candidato della coalizione Democratica avversa che, tanto per nota, era stato proprio l’ ideatore della Crescent City White League e responsabile della Battle of Liberty Place.

 

Joseph Shakespeare

Ecco il Sindaco Joseph Shakespeare all’ epoca dei fatti.

 

Ma fu una mossa  subdola, che mirava semplicemente a spargere fumo e tenere buoni i suoi avversari politici mentre lui nell’ ombra stringeva rapporti di interessi e di potere. Infatti solo due anni dopo, sostenuto dalla forza economica del RING, riuscì a buttar fuori Behan con l’ espediente tanto caro ai politici dei “ voti comprati “ alla precedente elezione. Sputtanò tanto bene il Sindaco in carica che non faticò a riportare gli elettori alle urne, dove stravinse con 23.313 voti contro i 15.635 del Giudice Robert C. Davey, altro potentissimo candidato dell’ Anello.  Per farsi bello con la cittadinanza e consolidare il suo potere dette il via a numerose opere urbane importanti, come il miglioramento del manto stradale, l’ introduzione dell’ illuminazione elettrica nelle strade principali della città, e favorì la diffusione delle automobili come mezzo privilegiato di spostamento. Rinnovò Il Corpo dei Vigili del Fuoco, dotandolo di strumentazione nuova e sofisticata, e ridusse enormemente il debito pubblico della città. Ma nel contempo elevò il mandato di Sindaco da due a quattro anni, legalizzò il gioco d’ azzardo e istituzionalizzò i bordelli, esigendo forti tasse da tali attività. Rafforzò la Polizia della Città e intensificò i controlli al Porto, mentre nel contempo costruiva nuove prigioni in Tulane Avenue legalizzando la richiesta dei proprietari terrieri e degli uomini d’affari di servirsi della manodopera dei carcerati, previo pagamento di tasse comunali. Infine nel 1890 fu lui a nominare David Hennessy , che non nascondeva i suoi legami con la mafia portuale, come nuovo Capo della Polizia.

Houston e Shakspeare: questi dunque gli ideatori e i sobillatori del linciaggio di New Orleans. Entrambi lavorarono per anni per costruirsi un’ immagine rispettabile mentre, nel contempo, condizionavano il sentimento popolare facendo leva sui radicati sentimenti razzisti e classisti.

Il primo tramava nell’ ombra consolidando quell’ enorme potere economico e quella fitta rete di affari che avrebbero rappresentato il motore portante per una radicale trasformazione della città; l’ altro utilizzava la Legge e le Istituzioni , il che avrebbe conferito  a qualsiasi atto violento ai danni di una invisa minoranza etnica  un’ immagine assolutamente legale e anzi preventiva di danni futuri a scapito della cittadinanza.  Tutto era pronto. Ora necessitava una piccola scintilla per generare un devastante incendio.

E la scintilla, prontamente, scoppiò.

Il pretesto ufficiale del linciaggio,che seguì l’ omicidio di Hennessy, fu offerto proprio dalla faida tra i Provenzano e Macheca riguardo il monopolio dell’ importazione della frutta al Porto di New Orleans.  Questo accadeva già nel 1886 quando Macheca rimosse il contratto con i Provenzano e lo assegnò ad un clan rivale, diretto da Tony e Charles Matranga. Tra alti e bassi e una quantità di omicidi nel 1890 Tony Matranga, insieme alle sue guardie del corpo, cadde vittima di un’ imboscata della quale furono accusati, senza alcuna prova indiziaria, proprio i Provenzano che.,in sede di giudizio, furono tuttavia dichiarati estranei ai fatti. Al loro posto il Giudice chiamò invece in  in giudizio i Matranga, si suppone per alcune prove schiaccianti contro di loro proprio fornite da Hennessy.  All’ indomani del suo omicidio, , pochi mesi dopo, la Stampa prima e dalla Pubblica Accusa poi gridarono alla ritorsione e fecero un gran can can sull coraggio della vittima la quale, sprezzante del pericolo a cui andava incontro , aveva messo a repentaglio la sua vita per ristabilire l’Ordine e la Verità.  Chiaramente si tacque sul fatto che Hennessy, insieme con i Provenzano, era proprietario e gestiva l’ intero quartiere a luci rosse del Porto e che quindi a egli veva agito per interesse e non certo per l’ etica professionale. Ma tant’è: per l’ opinione pubblica Macheca era un mafioso ed Hennessy un Tutore della Legge. E’ molto probabile che alla radice dell’ omicidio di Hennessy ci fu ben altro che una regolazione di conti. Poteri molto più occulti stavano tramando nell’ ombra e  in ballo c’erano  milioni di dollari che, con l’ aiuto delle Forze Politiche e della pecoraggine della cittadinanza , sarebbero entrati senza colpo ferire nelle tasche di pochi, pochissimi personaggi dalla facciata integerrima e nazionalista.  Non era per questo che per anni avevano rimestato nella testa della gente infarcendola di ideali ariani , agendo per prenderla per fame e stimolando in essa gli Americanissimi sentimenti di odio e di razzismo nei confronti degli immigrati  “ladri di lavoro e di potere  che in più avevano portato in loco la mafia? “  Ora era il momento di raccogliere i frutti. Diciannove persone sarebbero state immolate, centinaia sarebbero state ferite, perseguitate e infine eliminate e la faccia di un’ intera nazione sarebbe stata scossa e mutata da       quella che fu definita “ La Questione Italiana “.

(continua )

3058173_930240

Vuoi saperne di più sulla storia della nostra Emigrazione? TI REGALO QUESTO EBOOK! SCARICALO GRATIS da patriziabarrera.com.  CLICCA SULLA FOTO

download (1)

 

L’ America della trasgressione : il Burlesque

Cari Amici,

in questo periodo di Feste sono stata un po’ assente ma voglio farmi perdonare con un post allegro e interessante, che vi prego di continuare a leggere sul mio sito ufficiale patriziabarrera.com. Darete così un valido aiuto al mio lavoro di auto produzione musicale e potrete ascoltare GRATUITAMENTE tutta la mia musica e usufruire di tanti contenuti GRATIS o in FREE DOWNLOAD.  Vi aspetto!

 

 

Nato stranamente nella Puritana Inghilterra alla fine del 1700 il Burlesque  ( dallo Spagnolo Burla,) era originariamente uno spettacolo teatrale di matrice comica,  con l’intento di parodiare gli strani vizi dell’aristocrazia Britannica  ad unico vantaggio di un popolino povero e maltrattato, che in tal modo si prendeva le sue rivincite. Si trattava comunque di spettacolini ” leggeri” , con una trama esile e uno stile goliardico, a cui si aggiunsero ben presto ballerine e cantanti dichiaratamente poco vestite. Giunto ben presto in America fu subito confinato nei saloon o nei bordelli dove, a ritmo di musica, i soli avventori maschi potevano godere delle grazie canore e ..carnali delle belle artiste.

 Ecco una delle ” scandalose artiste ” dell’ America Vittoriana nel 1890. L’ abbigliamento è casto per noi ma per l’ epoca, che pretendeva che perfino le caviglie delle donne rimanessero celate allo sguardo degli uomini, era come per noi adesso vedere in giro una donna nuda.

Fu solo  nel 1860 grazie alla bellissima Lidia Thompson e alla sua compagnia British Blondes che il Burlesque balzò agli onori della cronaca, come spettacolo più chiacchierato dell’anno in quel di Broadway.  In definitiva La Thompson cantava, ballava e mimava personaggi politici o industriali rampanti con grande maestria ed esibendosi in..calzamaglia. Tuttavia un vento di novità penetrò direttamente nella compagine sociale, e decine di teatri Americani ” si aprirono al ” sexy style”. A Chicago, New Orleans, Cincinnati e New York un pubblico euforico si accalcava sugli spalti per ridere alle spalle del sistema e nel contempo bearsi della vista di artiste sempre più svestite…..

 

LEGGI TUTTO sul mio sito ufficiale  patriziabarrera.com!  E’ GRATIS. NO abbonamento, NO registrazione, NO cookies, NO pubblicità

 

Il Linciaggio degli Italiani a New Orleans : le premesse

2-prejudices

 

Cari Amici,
dopo un lungo periodo di assenza dovuto al fatto che sono stata impegnata a promozionare il mio ultimo album di Inedite Bianco Sporco Nero Candido , che potete trovare in ASCOLTO GRATUITO sul mio sito patriziabarrera.com, eccomi di nuovo a voi con un’ altra puntata del dossier sui nostri trascorsi come immigrati in America.
Questo articolo vi parlerà di uno degli eventi più sanguinosi non solo della nostra storia Italiana ma anche degli USA, purtroppo relegato ingiustamente al dimenticatoio. Si tratta di un episodio di brutalità e follia trasceso nel linciaggio pubblico contro alcuni nostri connazionali nel lontano 1891, passato alla storia come ” Il linciaggio di New Orleans “.
Fu l’ unico momento della storia del nostro paese in cui i rapporti con gli USA furono messi ( giustamente ) a repentaglio, finchè il Governo Giolitti per questioni di interesse politico e anche di sudditanza psicologica non cancellò dal libro nero questo evento tragico, le cui vittime ancora oggi non sono state realmente riabilitate e per l’ omicidio delle quali all’ epoca NESSUNO pagò. Ci farà bene rispolverare un po’ della nostra storia passata, quando INVASORI e STRANIERI STRACCIONI eravamo considerati noi Italiani, alla luce delle tragedie attuali e dei numerosi episodi di razzismo che stiamo vivendo OGGI riguardo la questione degli extracomunitari. Le vicende sembrano diverse ma la radice è sempre la stessa , gli interessi politici di pochi e la pecoraggine della massa pronta a scagliarsi sulla pecora nera di turno. Oggi sono gli extracomunitari…e domani?
Buone riflessioni Continua a leggere

Emigrati in America : quando gli Italiani erano negri

 

photo_slideshow_max 

Quando le prime ondate di immigrati Italiani arrivarono in America per il Governo Statunitense e anche per l’ immaginario collettivo si trattava di persone dotate di una certa dignità e inequivocabilmente “bianche “

In effetti i primi a sbarcare nel nuovo continente furono i Friulani, poveri contadini lasciati affogare nella propria povertà dai Savoia che, nella loro opera di pseudo-unificazione si erano completamente dimenticati del Friuli Venezia Giulia e del Veneto. Si trattava di gente dai caratteri somatici chiaramente nordici, di statura alta e con occhi e pelle chiari che non sfiguravano sul suolo Americano già in sentore di ideologia Ariana.
Tuttavia affermare che questo fu l’ unico motivo per cui essi vennero accolti bonariamente e avviati senza indugio al processo di Americanizzazione sarebbe altamente riduttivo. Vari fattori hanno contribuito a danneggiare l’ immagine dell’ Italiano in America, primo tra tutti l’ acceso razzismo scientifico che imperversava in Europa, seminascosto dagli ideali di Nazionalismo e Patriottismo. Ancora una volta furono i Savoia i principali artefici di questo processo di corruzione,a giustificazione dei sanguinosi misfatti e delle ruberie operate soprattutto nel sud Italia, che venne completamente spogliato dei propri beni e delle operose aziende.

Continua a leggere

Italiani brutti sporchi e cattivi: emigrati in America

7b66e30e95b57ea8ed9d1e0234af8b4c--mafia (1)

In un periodo storico come quello che stiamo vivendo oggi, dove gli extracomunitari sono considerati a tutti gli effetti degli invasori e in cui i media spalleggiano i Governi per far tremare il mondo al suono della parola ISIS, credo sia giusto dedicare un po’ del mio tempo a riportare alla memoria dei lettori ciò che rappresentò l’ emigrazione Italiana all’ estero e le sue ripercussioni sulla storia Europea.
Ciò al fine di aiutare noi tutti a ricostruire quella scala di valori che abbiamo ormai perduto, e a chiamare le cose con il loro giusto nome: razzismo.
Chiaramente non si tratta di un unico concetto, perchè il fenomeno stesso del razzismo affonda le radici nella stupidità, nell’ avidità e nella sete di violenza. Una vera collezione di morbosità e orrori mentali che prescindono da qualsiasi concetto di ” razza “, in quanto ci accomunano tutti. Una distorsione di pensiero che ci divide anche nella nostra stessa Patria, dove purtroppo il riesumato termine torna a brillare sulle bocche di alcuni politici Italiani, che prima affermano e poi ritrattano, non avendo neanche gli attributi per arrivare fino in fondo.

Continua a leggere

Sing Song Girls : l’ epilogo

chinese-prosititue3

(continua )

Nel tempo la Cameron iniziò ad adottare tecniche diverse, spesso suggerite dagli stessi informatori ma non di rado anche da parenti delle vittime che, miracolosamente, erano anch’essi approdati in America alla ricerca della ragazza di cui non avevano più saputo nulla. La ricerca si rivolse allora a quegli esercizi Cinesi, apparentemente rispettabili come empori e lavanderie, che nel retrobottega nascondevano scenari di miseria assoluta, in cui le piccole schiave giacevano completamente drogate e seminude in giacigli di paglia, in attesa dei clienti. Questi ” ratti ” avvenivano generalmente alla luce del sole e con l’ appoggio di agenti della Polizia sostenitori della causa della Cameron, perchè i Tong arrivavano a frotte a circondare gli edifici e spesso ingaggiavano lotte all’ ultimo sangue con tutti coloro che gli sbarravano la strada.
Non di rado la stessa Cameron doveva farsi largo tra la Maitresse Cinese del locale, una vecchia puttana che aveva imparato ad odiare le donne e che con le unghie e con i denti difendeva la propria mercanzia.

Continua a leggere

L’ Angelo arrabbiato delle sing song girls.

 

girl

 

( continua )

” La Casa Verde è un luogo di ignominia e di vergogna,
intriso di verginità deflorata e purezza perduta.
La cosa che mi fa più schifo è dover baciare i clienti in bocca
e permettergli di toccare ogni parte del mio corpo.
Basta, non ce la faccio più!
Non riesco ad esprimere con le parole la mia vergogna!
Devo trovare il modo di fuggire
da questo luogo di fiori e di sangue.
Come vorrei essere amata da un uomo bello e forte
e diventare la sua compagna! ”

 

Queste poche frasi, ritrovate in un cassetto di una delle tante case Cinesi a luci rosse in San Francisco intorno al 1890, descrive in modo straziante ed efficace i sentimenti delle ragazze Cinesi schiave in America e del loro anelito alla salvezza.
Non sapremo mai chi era l’ autrice di questa accorata confessione, più simile ad una poesia che a una pagina di diario. E non sapremo mai se ella riuscì infine a trovare la libertà o se, più probabilmente, finì la sua breve vita ammazzata dalla sifilide o per mano di un violento cliente.
Tuttavia queste parole ci danno la misura della realtà brutale in cui erano costrette a vivere le piccole schiave oggetto di un indegno traffico tra Cina e Stati Uniti che durò circa un secolo e che costituisce una delle pagine più vergognose della storia Americana. Un mercato che rimase attivo ancora 75 anni dopo la liberazione degli Afro – Americani…con il beneplacito del pubblico e perfino dei media.

Continua a leggere

Il lungo viaggio delle Sing Song Girls

 

860_Popo_soft_shadow_1925

( continua )

La lunga epopea delle sing song girls nella Old America iniziò non prima del 1840 ma con punte di abnorme ascesa nel periodo della Corsa all’ oro , più o meno tra il 1848 e il 1854. Prima di allora la presenza delle donne tra gli immigrati Cinesi era un evento più unico che raro e riguardava o coraggiosissimi pionieri sfuggiti al clima di guerra che ormai si respirava in Patria oppure consorti di quei pochissimi uomini d’ affari che nell’ America della prima metà del 1800 consisteva in una purissima oligarchia che viveva in palazzi costruiti su misura grazie a impegnativi rapporti diplomatici con le Autorità locali, debitamente ricompensate da ingenti somme di denaro. Costoro portavano con se mogli e favorite, un largo stuolo di fanciulle avvenenti che tuttavia rimanevano relegate a vita nei cortili interni delle magioni, da cui uscivano solo dopo morte.

Continua a leggere

Sing Song Girls : le origini

 

be2dd13e36a7abeddc47f4e112da4969

( continua )

In Cina la prostituzione è sempre stata di casa, assumendo colori diversi a seconda delle epoche e dei costumi ma con un unico comune denominatore: una società prepotentemente maschilista all’ interno e dominata da sentimenti razzisti all’ esterno. Essere donna in Cina equivaleva a poco più di nulla: da creatura deviante a bambolina decorativa la sostanza era sempre la stessa.
La femmina esisteva in quanto fattrice, atta a perpetuare la razza e purtroppo per questo bisognava pur sopportarla; in definitiva la compagnia di una donna poteva essere anche molto piacevole, purchè ella non dimenticasse mai la sua posizione nell’ universo maschile e si adattasse al suo ruolo obbediente e sottomesso di oggetto di piacere. Spogliata di ogni ruolo, non più utile di un animale da soma ma, se si può, con meno diritti la donna Cinese per quasi mille anni ha dovuto rassegnarsi a sopravvivere grazie alla clemenza del maschio, che decide della sua vita e della sua morte, ne controlla i cicli naturali di moglie e madre, la esibisce come metro personale della propria potenza e infine la vende al migliore offerente, per rientrare nelle spese di non averla buttata appena nata, come era usanza comune, sul mucchio della spazzatura.

Continua a leggere

Sing Song Girls: le piccole schiave della Old America

prostitution-1444154415-5mp4

 

Voce sottile,visetto impaurito e un corpo talmente esile da risultare quasi inesistente. Le piccole schiave Cinesi dell’ antica Chinatown chiamavano i clienti al di là di una grata, l’ unica forma di comunicazione con il resto del mondo. Nude, malate e ancora bambine tendevano disperatamente le manine verso i loro potenziali acquirenti, blandendoli con nenie ossessive a metà tra pianto e canzoni, in cui illustravano le loro capacità amatorie e promettendo orgasmi irresistibili che suonavano falsi sulle labbra di creature decenni.
Gli Americani le chiamavano Sing Song Girls accostandole erroneamente al concetto delle Cortigiane di Shangai, vittime immensamente più fortunate e testimoni silenziose di una società interamente al maschile, non diversa da quella che si cela oggi sotto la pellicola moderna della nuova Cina.

Continua a leggere