W.E.B. Du Bois e il volto nuovo dell’America


Cari Amici,

come avrete notato questo blog è un po’ in rilento. Ciò è dovuto al fatto che sono molto impegnata con la pubblicazione del mio nuovo album di cover, che precederà di poco il mio prossimo di Inedite.  Comprenderete quindi la mia difficoltà nell’essere precisa e costante con i miei post.

Per premiare la Vostra costanza e l’affetto dei tanti che mi scrivono ogni giorno, ho pensato di farVi cosa gradita offrendovi delle foto davvero straordinarie. Si tratta di una collezione UNICA al mondo che agli inizi del 1900 fece davvero scalpore, poichè offriva una visione nuova dell’Afro-Americano, in pieno contrasto con gli stereotipi generalizzati che mostravano la Black People come inferiore,brutale e assolutamente incapace di entrare nella  cosiddetta ” società civile”.  Tutto ciò faceva parte di una campagna ” pubblicitaria” di tipo Governativo che , come vedremo nelle prossime puntate di questo blog, nasceva al fine di giustificare i soprusi e le violenze ( come i linciaggi) sugli Afro-Americani,  reati  originati non solo da una mentalità schiavista e razzista ma soprattutto dal terrore che  ” il negro ” e il Partito Repubblicano alle sue spalle  si accaparrassero il Potere politico,  da sempre in mano al Partito Democratico  e ai Conservatori.

Ecco dunque la fondamentale importanza storica e sociologica della collezione fotografica  di  W.E.B.  Du Bois  che vi offro oggi.

L’opera Originale raccoglieva  circa 500 fotografie e disegni  raccolti da Du Bois e dall’Attivista Thomas J. Calloway e  suddivisi in tre album:

Il Primo si intitolava  ” Tipologia della razza Nera” e fu quello che stupì il mondo, perchè offriva non solo quadretti di vita quotidiana che mostravano un Afro-Americano colto, laureato, spesso abbiente e inserito;  ma soprattutto volti talmente eterogenei e ” sbiancati” dalle continue mescolanze di razza da aver perso quelle caratteristiche tipicamente negroidi, oggetto di scherno e vilipendio pubblico.

Il secondo album, che si collegava direttamente alle statistiche di

Ida B. Wells con il suo The Red Record, era intitolato ” The Black Codes in Georgia” e raccoglieva un compendio scioccante sulle Leggi Segregazioniste nate a cavallo tra il 1860 e il 1899, e che gridavano GIUSTIZIA a chiare lettere.

Il terzo, infine, è una raccolta di grafici riguardo l’incremento demografico e la  ( spaventosa!) distribuzione capillare dell’Afro-Americano  negli Stati Uniti d’America. Un resoconto apparentemente scientifico ma che offrì al mondo intero a Vera spiegazione dei Black Codes e delle

Leggi Jim Crow, mostrando al contempo le radici della paura Americana nei confronti della  Black People.

L’Opera fu esposta a Parigi nel 1900 ed ebbe un grande successo. All’epoca dei fatti Du Bois era Professore di Sociologia presso l’Università di Atlanta e non nascondeva il suo impegno politico per concedere il diritto di voto al nero. Estremamente schivo nei confronti della Stampa concesse un’unica dichiarazione riguardo la Mostra di Parigi: :

” Mi auguro che i visitatori, guardando i volti ritratti nelle fotografie, possano fare un raffronto diretto tra ciò che si dice della razza negra e la realtà dei fatti”.

Du Bois fu  poi insignito dai Giudici della Mostra della medaglia d’oro per il suo ruolo fondamentale per la  “divulgazione di dati storici di fondamentale importanza”.  235 foto della sua Opera sono poi state acquisite come patrimonio nazionale dalla Libreria del Congresso e potete trovarle QUI.

Esse rappresentarono il primo passo verso la rottura degli schemi e dei luoghi comuni sull’Afro-Americano, instillando negli storici e nei letterati il germe dell’interesse per la sua cultura. Un processo che raggiungerà poi il suo apice qualche decennio dopo, con la raccolta  ” The Black Folk Songs” e i Lomax, le Canzoni delle Prigioni e infine la riscoperta del Blues negli anni 40/50.

Le foto della collezione sono liberamente scaricabili, stampabili e utilizzabili. Esse rappresentano un documento eccezionale che i cultori della Old America non potranno non gradire.

Noi ci vediamo al più presto con un altro entusiasmante post!

Io ti offro i miei post, tu non essere ingrato!  Acquista una delle mia canzoni: sosterrai così il mio faticoso lavoro di auto-produzione.

                               BASTA UN DOLLARO!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...