Merry Christmas, darling. Una vera canzone d’amore.


Merry Christmas, darling

Può una canzone d’amore diventare un gettonatissimo brano di Natale ed entrare nella tradizione ? A quanto pare SI, se consideriamo la storia poco conosciuta di ” Merry Christmas, darling ” che sto per raccontarvi.

Tutto cominciò nel lontano 1946, quando un adolescente pieno di brufoli e di complessi di nome Frank Pooler si innamorò di una sua coetanea proprio durante le vacanze di Natale. All’epoca Frank era un introverso diciottenne ed era andato a trascorrere il periodo Natalizio in Onalaska, dai suoi nonni materni. La ragazza era la figlia di uno dei vicini, un’adorabile e irruente teenager piena di estroversa vitalità., che soleva passare ogni giorno sotto le sue finestre. Colpo di fulmine? Può darsi. Molti anni dopo Pooler imputerà la vicenda ad una ” violenta tempesta ormonale”, descrivendo l’accaduto nel modo razionale e spassionato tipico delle persone anziane. Sicuramente il colpo fu violento: oppresso da una inguaribile timidezza il diciottenne passa lunghi giorni nella sua stanza in solitaria ammirazione della fanciulla, che non lo conosce nemmeno, scrivendo appassionati versi che non ha il coraggio di consegnarle.
Tra altalenanti passioni le vacanze finiscono. Temendo di non rivederla alla fine il buon Frank trova la forza di bussare alla sua porta , ma l’amata è già tornata al college e lui non la rivedrà mai più.
Gli impetuosi versi finiscono quindi in un cassetto, anche se l’irrealizzato sogno rimane nelle sue memorie giovanili.

Frank Pooler, 1946

Ecco un giovanissimo Frank Pooler all’epoca dei fatti, 1946

Passano gli anni e Frank diviene un acclamato musicista e direttore di coro. In estate si presta come insegnante di musica in California, presso la State University di Long Beach e lì conosce i fratelli Carpenter, Richard e Karen. Lui era un mago del pianoforte, dalla personalità forte e passionale e spesso accompagnava il coro diretto da Pooler.

The Carpenter

Ecco i fratelli Carpenter alla fine degli anni ’60

Lei era una brunetta pallida e sognante con vari problemi affettivi, che si manifestavano come un’anoressia cronica. Entrambi sognavano di sfondare nel mondo della musica pop e avevano formato un trio con l’amico Wes Jacob al basso e tuba, Richard al pianoforte e Karen al metallofono. Il gruppo aveva anche vinto un talent all’Hollywood Bowl e firmato un contratto provvisorio con la RCA, ma nel 1966 si sciolse poichè Jacob aveva preferito un posto sicuro alla DETROIT SYMPHONY.
All”epoca dell’incontro con Pooler i fratelli stavano quindi tornando un duo ed erano alquanto depressi., anche perchè la RCA aveva considerato i loro primi 4 brani non commercialmente validi e chiuso il contratto.

Carpenter trio

Ed ecco il trio Carpenter nel 1966 con Jacob Moss

Tra il direttore del coro e i due allievi nasce un rapporto di affetto e di stima al punto che, quando i fratelli gli chiedono un consiglio e un’ispirazione per il futuro al Professore viene naturale presentargli la sua vecchia lettera d’amore, che nel corso degli anni si era trasformata in una canzone.
” A me non ha portato fortuna – disse ai ragazzi – ma se vi piace forse potrebbe tornarvi utile.”
Richard, che per le delusioni subite era in un periodo di calo creativo, accettò il regalo con gioia e grazie a Pooler riuscì anche a coinvolgere altri quattro allievi del college e fare un bel cambio di immagine, creando gli SPECTRUM. Il sestetto si esibisce su e giù per la Calfornia ottenendo consensi ma non dura. Tra alti e bassi i fratelli Carpenter continuano a inseguire il loro sogno fino a quando catturano l’attenzione di Herb Alpert, direttore della M & M Records, ,che gli permette di pubblicare il primo album, dal titolo originario OFFERING e in seguito ribattezzato TICKET to RIDE.

The Spectrum

Ed ecco gli Spectrum, che si sciolsero definitivamente nel 1969, i cui membri oltre ai Carpenter erano John Bettis,Leslie Johnson, Gary Sims e Danny Woodhams.

Il brano “Merry Christmas darling” ,leggermente modificato da Richard nella melodia, fu inserito in un single nel 1970 ottenendo un disco d’oro e riproposto in varie riprese nel 1971 e nel 1973, piazzandosi sempre bene a livello di vendite come canzone del periodo Natalizio ma un po’ bistrattato dalla critica che lo definisce ” suggestivo e ben cantata ma non degno di nota “.
La situazione cambia di colpo nel 1978 quando i Carpenter , ridiventati da tempo un duo e acclamatissimi dal pubblico e dai media , decidono di dare un taglio nuovo alla canzone che grazie alla voce di Karen risulta ” incisiva, graffiante e tale da colpire l’anima “. L’immagine un po’ zuccherosa dei due fratelli si modifica in pop rock e come per magia il bellissimo brano entra di prepotenza nelle case degli Americani, operando un trasfert emotivo su larga scala senza precedenti. Karen, paragonata a Patty Page, riceve lodi entusiastiche da big come John Lennon che riconosce nella sua voce ” uno dei più grandi strumenti vocali nella storia del pop”.

Merry Christmas, darling

Ecco il primo single in cui era presente la canzone. 1970

Ciò contribuisce nettamente all’ascesa della canzone nell’Olimpo dei brani della tradizione Natalizia, soprattutto quando icone come Madonna, Chrissie Hynde, Sheryl Crow, the Cranberries, the Cracker e molti altri cercano di emularla sfornando cover entusiasmanti ma sicuramente meno amate. La forte e nostalgica interpretazione di Karen passa alla storia facendo piangere milioni di Americani che nella canzone rivedono se stessi e i loro amori perduti.
D’altra parte il testo è sicuramente coinvolgente:

Greeting cards have all been sent
The Christmas rush is through
But I still have one more wish to make
A special one for you

Merry Christmas Darling
We’re apart that’s true
But I can dream and in my dreams,
I’m Christmas-ing with you.

Holidays are joyful
There’s always something new
But every day’s a holiday
When I’m near to you

The lights on my tree
I wish you could see
I wish it every day
The logs on the fire
Fill me with desire
To see you and to say

That I wish you a merry Christmas
Happy New Year, too
I’ve just one wish
On this Christmas Eve
I wish I were with you
I wish I were with you

Magic Christmas

Magic Christmas, il tuo album di Natale!

BUON NATALE, TESORO.

I biglietti di auguri sono stati tutti spediti
e Natale alle porte
ma c’e’ ancora un desiderio nel mio cuore
qualcosa di speciale che riguarda te.

Buon Natale , tesoro.
Siamo lontani, è vero,
ma posso ancora sognare e nei miei sogni
il mio Natale è con te.

Le vacanze sono piene di gioia,
c’è sempre qualcosa di nuovo nell’aria,
ma per me è festa ogni giorno
se sono con te.
Oh, vorrei che potessimo guardare insieme
ogni giorno
le luci del mio albero di natale!

I ceppi che bruciano nel camino
mi fanno struggere dal desiderio
di vederti e sussurrarti
” Buon Natale ,tesoro,
che l’anno nuovo sia felice! ”
Oh, In questa vigilia di Natale
ho un solo desiderio:
essere con te!

Oh quanto mi piacerebbe stare con te!
Buon Natale, Buon Natale,
Buon Natale tesoro mio!

Carpenter e Frank Pooler

Ecco una bella immagine dei Carpenter e di Frank Pooler nel 1980

Semplice ma efficace. Commenti come ” Dopo 40 anni di matrimonio ho perduto mio marito ma ascoltando questa canzone mi sembra di vederlo ancora qui vicino a me! ” – oppure – ” Ascoltavo questa canzone vegliando mio figlio in ospedale e ora che posso ancora stringerlo tra le braccia sento che in quella musica è contenuto il miracolo della sua guarigione ” intasano le linee telefoniche delle emittenti radiofoniche che trasmettono il famoso brano. Momenti come quello in cui i due fratelli cantano la canzone nel coro della loro vecchia Università a Long Beach, per giunta diretti ancora una volta da Pooler, fanno il giro del mondo.
Il Maestro e il duo restano amorevolmente in contatto e quando nel 1983 la bella artista muore improvvisamente d’infarto, come complicanza della sua anoressia, Pooler rimane scioccato.
Il pensiero folgorante della caducità della vita, del tempo che passa e il tormento di ciò che poteva essere e non è stato scava profonde ferite nel suo cuore, al punto che decide di prendersi un periodo di pausa dal suo lavoro e di tornare al vecchio cottage di famiglia in Onalaska. Come più tardi egli stesso ricorderà ” Merry Christmas darling era continuamente nell’aria. Dai centri commerciali, dalle radio, dai programmi televisivi si levavano alte e nostalgiche le note della canzone che si mescolavano al dolore della morte di Karen , di quella recente di mia moglie e allo struggimento dei ricordi giovanili”.
Alla fine l’attempato Professore fa una cosa che mai avrebbe pensato di poter fare: si mette alla ricerca del vecchio amore di un tempo per chiudere il circolo vizioso delle dolorose nostalgie e fare finalmente i conti con i propri sogni.
Dopo anni di tentativi all’inseguimento della sua bella alla fine riesce a ritrovarla; è in California, a Palm Springs, ed è sposata con un famoso musicista. Le telefona, i due si incontrano a casa di lei e Pooler le regala un’incisione privata della canzone.

Un anziano Frank Pooler nel 2012, pochi mesi prima della sua morte avvenuta nel gennaio 2013.

Un anziano Frank Pooler nel 2012, pochi mesi prima della sua morte avvenuta nel gennaio 2013.

Le dice :
” Conosci questa canzone? La scrissi tanti anni fa per te. ”
Lei sorride, si commuove, se la stringe al cuore come un tesoro. Nasce tra i tre una bella e calda amicizia che durerà a lungo, fino al gennaio di quest’anno, quando il Maestro morirà sussurrando
” IN questo brano è racchiuso il calore di tutta la mia vita “.


Questa è la versione più conosciuta e più ascoltata in America del famoso brano.

E questo è un promo della mia versione, dall’approccio sicuramente diverso.
E’ una canzone che ho sentito molto e nella quale ho riversato tutta la mia indole passionale. Ascoltatela GRATUITAMENTE per intero qui.
Se vi piace acquistatela e darete una mano concreta al mio faticoso lavoro di cantante e autrice. BASTA UN DOLLARO!

Scopri la storia delle altre canzoni di Natale!

REGALATI UN BUON ALBUM! Clicca sulla foto e ascolta il mio MAGIC CHRISTMAS
Magic Christmas album

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...