Barbecue Bob, da cuoco a star.


Barbecue Bob, 1927

Molto interessante la figura di questo bluesman dimenticato, che fu uno dei tanti a non essere ” riscoperto ” dalla’industria discografica negli anni ’60.
Sto parlando di ROBERT HICKS, in arte BARBECUE BOB, forse l’esponente principale della perduta tecnica ” Newton County” ed eminente rappresentante del Piedmont Blues come Peg Leg Howell e Blind Blake.


Nacque a Walnut Grove (VA) nel 1902 da famiglia di mezzadri; un unico fratello, Charlie, col quale sviluppò un rapporto strettissimo, quasi simbiotico, per tutta la sua breve vita.
Quando i due erano ancora bambini la famigliola si trasferì nella contea di Newton, dove sembra che le possibilità di lavoro erano migliori. Una vita tranquilla, caratterizzata da una faticosa quotidianità e dall’amore per la chitarra; sembra comunque che il primo a ” infettarsi” per la malattia del blues sia stato Charlie maggiore di due anni e sicuramente molto più attivo del fratello. Sia precedentemente che nell’epoca del successo Robert fu descritto come ” un ragazzone dal buon carattere, non molto intelligente e a cui piacevano le cose semplici come mangiare bere e stare in compagnia. I suoi modi erano grezzi ma non rudi e non aveva una voce accattivante. Tuttavia era un mago della chitarra a 12 corde.”
La fortuna volle che i due ragazzi frequentassero un loro coetaneo di nome Curley ( che sarebbe un giorno diventato artista col nome di SLIM GORDON) la cui madre Savannah ” Deep ” Shepard Weaver era una di quelle musiciste donne di cui non si sentì mai parlare , valente pianista e chitarrista. Costei insegnò loro tutto ciò che sapeva, partendo dalla chitarra a sei corde per arrivare a quella a dodici che entrambi i fratelli Hicks dimostrarono di apprezzare.

Curley Weaver, 1932

Curley Weaver negli anni ’30

Ora, questo tipo di chitarra che ” esplose ” solo negli anni 30/40 grazie a Leadbelly, era in realtà uno strumento molto diffuso nelle zone rurali dell’epoca poichè la sua complessità permetteva ai musicisti intrattenitori di sopperire all’eventuale mancanza di altri strumenti.
In pratica accanto alle normali sei corde ne veniva affiancata un’altra accordata all’ottava superiore, fatta eccezione per le prime due corde che venivano accordate insieme. Ciò la rendeva un efficace strumento ” di accompagnamento” e la particolarità di Robert consisteva proprio nel saperla usare…da solista. Il risultato era un sorprendente suono Afro simile a quello tirato fuori dal banjo pre-blues quando questo strumento era ancora utilizzato della black people. A ciò Robert aggiungeva lo slide, complicando ancora di più la sua performance.

Blind Willie Mc Tell and his 12 string guitar.

Fu Blind Willie Mc Tell a rendere famosa la chitarra a 12 corde, che poi influenzò nettamente gli artisti del periodo come Barbecue Bob.

L’effetto era strepitoso e il ritmo contagioso; il terzetto mette su una band, che poi comprenderà anche un valente armonicista del luogo EDDIE MAPP e, come succedeva spesso, abbina il lavoro nei campi all’intrattenimento musical-canoro
( Charles era la voce del gruppo) nelle feste di paese, nei pic-nic e alle cerimonie private , con un repertorio vastissimo che passava dalla old time al folk al blues.
Nel 1925 Mapp e Curley decidono però di tentare la fortuna in Atlanta e il gruppetto si scioglie. Charles non si dà pace e tortura per un annetto il fratello Bob che invece, tipico del suo carattere, preferisce cose più ” solide ” all’arte e vorrebbe sposarsi e mettere su famiglia. Soccombe infine alle pressioni del fratello e i due raggiungono gli amici ad Atlanta. Qualche seratuccia qua e là ma la vita da ” rambler ” non si addice a Robert, che lascia definitivamente il gruppo e se ne va a lavorare come cuoco in un localaccio di serie C a Buckhead proprietà di un certo Tidwell dove viene adibito al barbecue .

Patrizia%20Barrera

Il lavoro è duro e la paga è poca ma Robert ha buon carattere; prende la cosa con allegria e anzi,,tra un hamburger e l’altro, gli piace intrattenere i clienti suonando brani estemporanei. E qui succede il miracolo: divenuto ben presto una specie di celebrità locale attira l’attenzione di un talent scout della Columbia, tale Dan Honrsby, il quale stava facendo un giro di ricognizione per conto della casa discografica nella Down South di New Orleans.
Costui lo ascolta, ne nota la particolarità e decide di farne un personaggio fotografandolo in divisa da cuoco con la sua chitarra a dodici corde, e dandogli un nuovo nome : BARBECUE BOB. Questa è appunto la foto che normalmente si trova in giro quando si cercano notizie sull’artista.

Barbecue Bob, 1926

Ecco per intero la famosa foto che venne utilizzata per fare di Robert Hicks un personaggio. L’immagine fu poi tagliata e adattata per la pubblicità della Columbia records.

Impressionante il numero di brani che riesce a registrare per la Columbia dal 1927 al 1930: si parla di 15 sessioni e più di 68 brani originali, a partire dal suo primo successo ” BARBECUE BLUES ” a quello che ebbe maggiore impatto sul pubblico ” Mississippi Blues Heavvy Water ” , dove l’artista ( uno dei pochissimi ) narra della famosa piena del Mississippi del 1927, la più disastrosa della Storia degli Stati Uniti.
Sarà poi ” MOTHERLESS CHILE BLUES ” , che riuscì a vendere più copie della grande Bessie Smith, a consacrare il suo successo e a indurre la Columbia a metterlo definitivamente sotto contratto.
A questo punto l’artista propone alla Casa Discografica il fratello e i vecchi amici: coinvolgendo Charlie e Curly nonchè il talentuoso armonicista BUDDY MOSS nascono i THE GEORGIA COTTON PICKERS, un allegro gruppetto che sfornerà deliziosi brani tradizionali in stile Piedmont come ” I’M ON MY WAY DOWN HOME”, felice rielaborazione della ballata SITTING ON TOP OF THE WORLD ” degli Sceicchi del Mississippi, o DIDDIE WA DIDDIE” una cover dell’allora famoso BLIND WILLIE Mc TELL.
Bob registra anche qualche brano in coppia col fratello: molto gradevole “”It Won’t Be Long Now” del 1927, che permetterà anche all’ “Allegro Charlie ” di iniziare una sua carriera artistica individuale.

Laughing Charlie Hicks, 1927.

Alcuni riconoscono in questa foto l’unica immagine conosciuta di Charles Hicks, allora chiamato Laughing Charlie.
Dopo la morte di Bob Charlie finì in galera come assassino e divenne la pecora nera della famiglia, che bruciò tutte le sue foto.

Comunque credo che per apprezzare pienamente le peculiarità artistiche di Barbecue Bob bisogni ascoltarlo. Malgrado una voce non importante i suoi brani sono trascinanti dal punto di vista ritmico e interpretativo, elaborati in un purissimo stile ” Clawhammer ” che influenzerà non pochi artisti che da lui prenderanno spunto, come LEADBELLY ed ERIC CLAPTON. Famosissimo in Georgia alla fine degli anni ’20 il Clawhammer nacque per suonare il banjo e permetteva al musicista di sviluppare una incredibile velocità nel ” tirare le corde ” e di riuscire da solo a coniare una varietà pluricromatica di suoni. Uno stile sicuramente pre-blues che si perse già agli inizi degli anni ’30 ma la cui complessità ci arriva dalle registrazioni originali della Columbia attraverso brani come
” CHOCOLATE TO THE BONE ” ( forse la migliore interpretazione dell’artista) in cui si percepisce il senso HOKUM di quei brani a doppio senso di cui è piena la tradizione Minstrels, ma che in Barbecue Bob appaiono tanto misurati nell’espressione verbale quanto esplosivamente allusivi nel senso ritmico delle sue canzoni.

the Georgia Cotton Pickers for Columbia Records

Disco originale della Columbia per i Georgia Cotton Pickers, 1929

L’artista registrò a pieno ritmo fino al 1930, anno in cui cominciò a rimanere imprigionato nelle formule ” strozza arte” della Columbia , che gli imponeva di non ambiare stile e dare sfogo alla propria creatività al solo fine di
” raccattare più soldi dalle vendite “. Un’appannatura che si nota perfettamente in uno dei suoi ultimi brani “We Sure Got Hard Times Now” dove la crisi ritmico-interpretativa è particolarmente evidente.

Buddy Moss, 1930

Buddy Moss, amico collega dei fratelli Hicks, nel 1930

Tuttavia Barbecue Bob è ormai agli sgoccioli: in grave depressione per la morte della madre deceduta per polmonite e della moglie ( che curiosamente morì per la stessa malattia) l’artista si rinchiude in se stesso. Scioglie i Georgia Cotton Pickers e si barrica in casa rifiutandosi ad ulteriori registrazioni. Morirà dopo pochi mesi in un freddo autunno del 1931 a soli 29 anni, per una banale influenza tramutatasi poi ( amaro scherzo della sorte) anche per lui in polmonite.
Curly Eddie e Buddy, i colleghi amici della vita, troveranno in qualche modo la propria strada nel mondo della musica. Non fu così per il fratello Charlie che dalla morte di Bob sprofondò in un vortice di depressione e desiderio di autodistruzione che lo portò all’alcoolismo e infine alla criminalità.

Charlie Lincoln, 1955, at Cairo Prison, Georgia.

Charlie Lincoln nel 1955

Cambiatosi il nome in Charlie LIncoln per dare un taglio netto col passato, l’artista continuerà a incidere per la Columbia canzoni di serie B fino al 1950, periodo in cui la sua verve artistica verrà definitivamente distrutta dall’alcoolismo. Povero e solo nel 1955 uccide un uomo e finisce nel carcere di Cairo, in Georgia, dove morì nel 1963 sembra per emorragia cerebrale.

Vieni ad ascoltare la mia musica ! Old America, Blues e Inedite ti aspettano!

Bellissimo il brano del 1927 che fa da colonna sonora alla vera inondazione del Mississippi, uno degli eventi più tragici della storia degli Stati Uniti.

Il suo primissimo brano, Barbecue Blues, del 1927. Sembra fosse un brano estemporaneo. Come si dice : cotto e mangiato!

Ed ecco i divertentissimi Georgia Cotton Pickers all’opera, nel 1929.

Buon Ascolto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...