Robert (Leroy) Johnson : il mistero in una foto


robertjohnsonjohnnyshines

(continua)
La storia di questa foto e’ estremamente singolare: scoperta per caso su Ebay nel 2007 da un collezionista ,pubblicata sulla rivista Vanity Fair nel novembre 2008 fu infine autenticata nel gennaio 2013 dopo lunghe e attente dissertazioni sulla sua originalita’. Cio’ che faceva pensare,a parte l’espressione del giovane Robert che qui non sembra avere proprio NULLA di demoniaco,e’ che i bottoni della giacca di Shines sembrano essere al ” femminile”,.A meno che il giovane Shines non usasse indossare la giacca della sorella e’ dunque ipotizzabile che la foto originale fosse ” girata ” e che quindi il musicista individuato come Johnson fosse in realta’…mancino,altro punto a favore riguardo la sua natura.. Luciferina !

Fino a quel momento,infatti, le uniche due foto “confermate ” erano quelle in possesso della sorellastra di lui Carrie,che sono poi quelle che ben conosciamo;in entrambe Johnson NON appare affatto mancino. Allora come stanno realmente i fatti?
Abbiamo varie testimonianze di Johnny Shines in merito. Sappiamo che quest’ultimo si accompagno’ a Johnson per un paio d’anni ,dal 1933 al 1935 c.a., e che entrambi girarono in lungo e in largo per il Delta secondo le migliori tradizioni dei Ramblers. Shines non parla mai del presunto mancinismo dell’amico ma narra minuziosamente di ” come Johnny amasse suonare il Blues di schiena rispetto agli altri musicisti,mentre si girava tranquillamente di faccia se si trattava di suonare musica d’altro genere,quella che gli avventori spesso chiedevano, come le ballate del vecchio Sud. ”

Ecco la stampa " girata " dal verso giusto. Come si nota Johnson prende la chitarra come un..mancino.

Ecco la stampa ” girata ” dal verso giusto. Come si nota Johnson prende la chitarra come un..mancino.

Questa sua mania di girarsi di schiena e’ ben confermata anche da Son House che, come al solito, la colora di voodoo . ” Egli non voleva che gli altri musicisti lo guardassero negli occhi mentre suonava e si voltava di schiena,probabilmente perche’ nessuno potesse strappargli il segreto della velocita’ delle sue esibizioni. Si sa che al diavolo non piace essere guardato in faccia! ”
Ecco, bastano frasi come queste per alimentare una leggenda!
Molto piu’ semplice ipotizzare un mancinismo contrastato,un’ipotesi questa che spiegherebbe in parte anche i mal di testa infantili di Johnson,le sue difficolta’ di concentrazione,l’irritabilita’ e il non voler frequentare la scuola.Il mancinismo e’ stato per secoli considerato un ” segno demoniaco” e non pochi individui finirono sul rogo durante il periodo dell’Inquisizione..e oltre! Anche in epoca moderna ( e sto parlando della meta’ degli anni ’70) si tendeva a ” correggerlo” fasciando la mano del bambino e stimolandolo a scrivere con la destra! Se quindi rapportiamo l’essere mancini agli inizi del ‘900 in America,sul Delta, presso una comunita’ nera e in un bambino ” bastardo” ( quindi figlio della colpa) che per giunta una volta cresciuto ” va a fare il blues”..beh,possiamo comprendere l’enormita’ del carico psicologico ed emotivo che ha accompagnato il giovane Johnson per tutta la sua breve vita. In questa ottica e’ facile supporre che le “improvvise capacita’ ” imputate al patto col diavolo fossero semplicemente un riappropriarsi del mancinismo perduto,forse proprio su stimolo del suo maestro Zimmerman che aveva saputo leggere nell’animo tormentato del ragazzo.

Ecco Ike Zimmerman all'epoca in cui era " Maestro" di Robert Johnson. 1931/1932 c.a.

Ecco Ike Zimmerman all’epoca in cui era ” Maestro” di Robert Johnson. 1931/1932 c.a.

Quindi,musicalmente parlando,assistiamo ad un vero e proprio sdoppiamento di Robert Johnson: da un lato un artista in grado di ” suonare qualsiasi cosa gli si chiedesse in qualunque stile “,una capacita’ tipica dei ramblers che dovevano adattarsi ai variegati gusti degli avventori dei bar, e dall’altro ” un artista che faceva volare le dita sulla chitarra suonando il blues ..di schiena”.
Nel primo caso c’e’ sicuramente l’acquisizione di un ” metodo” che, se per Son House e altri musicisti di razza era innato,in Johnson era frutto di un impegno costante e disciplinato; nel secondo c’e’ invece la ” liberazione” del Blues che viene quindi eseguito secondo la propria natura mancina e che viene mantenuto ” nascosto” agli altri.
D’altra parte che Johnson fosse un dissociato e’ ampiamente documentato: Shines riferisce di quanto l’amico fosse affabile e gentile col pubblico e violento e manesco in privato,soprattutto con le donne che maltratta,malmena e abbandona. ” Spesso scompariva proprio mentre stavamo suonando e mi lasciava solo” – narra Shine – stava fuori dei giorni interi senza dare sue notizie,poi tornava come se nulla fosse. Io sapevo che amava mettersi nei guai,circuire le donne sposate e piu’ di una volta ha fatto a botte con i loro mariti. Qualche volta e’ stato sbattuto in prigione per un paio di notti per ubriachezza molesta e risse. All’inizio era bello viaggiare con lui, fare su e giu’ per i treni,suonare dovunque avessimo voglia. Johnson era amato dalla gente,poiche’ sapeva soddisfarla in tutto e per tutto. Ma quando ha cominciato a darci dentro con le donne e’ cambiato. Sfogava la sua rabbia su qualsiasi donna gli arrivasse a tiro,la picchiava a morte e poi veniva a suonare con me. Mi diceva ” Ah,picchiare una donna mi fa stare meglio!” e in realta’ quasi tutte le canzoni che scriveva parlavano di donne. A un certo punto la convivenza con lui divento’ impossibile e ci separammo. ”

Patrizia%20Barrera

Ecco un maturo Johnny Shines a cavallo tra gli anni '40/50

Ecco un maturo Johnny Shines a cavallo tra gli anni ’40/50


Sostieni questo blog. Acquista una delle mie canzoni!

Nel 1936 Johnson era tormentato dal desiderio di incidere le sue canzoni e di entrare nel mercato discografico. Si dette molto da fare ,quindi,per farsi ricevere da HC Speir,un talent scout bianco che gestiva un negozio di dischi sul Mississippi e che aveva gia’ scoperto grandi talenti come Charlie Patton,Skip James,Tommy Johnson e Son House. A quanto si dice Speir riconobbe al volo le capacita’ di Johnson ma per una antipatia d’impatto preferi’ passarlo a Ernie Oertle,un altro TC che si offri’ di portarlo a S.Antonio nel novembre ’36 per fare una sessione di prova
Cio’ avvenne nella stanza 414 del Gunter Hotel ,dove la Brunswick Record aveva impiantato uno studio di registrazione ” volante,come si usava all’epoca. Insieme a lui infatti c’erano uno stuolo di musicisti raccattati qua e la’ sul Delta,Messicani soprattutto e perfino la Wagon Gang Chuck,un gruppo musicale molto gettonato all’epoca nei locali del Delta. Qui Johnson,come riferisce Oertle.
” registro’ accucciato in una angolo e di schiena,tanto che faticai molto per posizionare i microfoni.” Tuttavia Oertle non si meraviglia piu’ di tanto: era abituato alle manie dei Bluesman e ai loro rituali e penso’ che Johnson stesse semplicemente cercando ” l’angolo di carico”,cioe’ il modo migliore per tirare fuori il suono. IN questa prima sessione furono registrate tra le altre COME ON INTO MY KITCHEN,KINDHEARTHED WOMAN,CROSSROADS BLUES e TERRAPLANE BLUES,l’unica che Johnson ascolto’ registrata e che divenne un grande successo,vendendo nella prima settimana ben 5000 copie,un vero record per l’epoca!

Ecco come appariva una studio di registrazione " volante" presso le camere d'albergo a cavallo tra gli anni '30 e '40.

Ecco come appariva una studio di registrazione ” volante” presso le camere d’albergo a cavallo tra gli anni ’30 e ’40.

In questa prima esperienza di prova troviamo un ciclo di canzoni sicuramente legate al Sud rurale,viscerali e d’impatto,considerate da sempre ” la piu’ vera espressione del malinconico Johnson”.Tra queste si distingue Kindhearted Woman per la sua complessita’ e per una maggiore ricerca del suono;il testo e’ molto piu’ articolato delle altre e non a caso per anni,unitamente a Crossroads blues,divenne quasi il vessillo distintivo dell’artista.
Una seconda sessione fu poi fatta nel 1937 direttamente a Dallas nel Vitagraph Building sito in 508 Park Avenue, dove la Brunswick Record aveva il suo Quartier Generale. In tutto 29 canzoni piu’ alcune prove incompiute e delle registrazioni scartate,per un totale complessivo di 41 incisioni. UN numero esiguo di brani che tuttavia costituiscono un prezioso patrimonio per la musica mondiale.
Tuttavia quello di Robert Johnson fu un successo POSTUMO. Benche’ apprezzato musicista le sue capacita’ di innovazione non erano ben comprese all’epoca e non fu certo la sua prematura morte a relegarlo in un immediato oblio che lo nascondera’ alla critica per circa trent’anni.
Nel 1938,periodo del suo massimo successo,se chiedevate a qualcuno per strada ” Chi e’ Robert Johnson? ” non avrebbe saputo rispondervi, pero’
avrebbe saputo descrivervi quanti capelli in testa aveva Son House. Tuttavia proprio quell’anno il famigerato John Hammon,produttore della Columbia Records,lo aveva messo sotto contratto per la prima edizione del poi famosissimo ” Da Spiritual a Swing” alla Carnegie Hall di New York,come dire la consacrazione ufficiale del giovane Johnson! Pensate che,quando si seppe della sua morte e con Big Bill Broonzy che lo sostituiva sul palco,vennero osservati due minuti di silenzio e fatte suonare due delle sue ultime registrazioni,tra una folla attonita e in lacrime.

Copertina del disco originale del famoso avvenimento  alla Carnegie Hall  al quale Johnson non pote' partecipare, data la sua prematura scomparsa. Notate i nomi eccellenti!

Copertina del disco originale del famoso avvenimento alla Carnegie Hall al quale Johnson non pote’ partecipare, data la sua prematura scomparsa. Notate i nomi eccellenti!

E questa invece e' la folla che gremiva le strade per il particolarissimo Evento al Carnegie Hall!

E questa invece e’ la folla che gremiva le strade per il particolarissimo Evento al Carnegie Hall!

Come si spiega allora questa sua scarsa popolarita’ tra la gente comune?
Robert Johnson in realta’ NON FU MAI famoso in vita e la sua produzione appare irrisoria rispetto a quella degli altri Bluesman dell’epoca. Ma rientro’ in auge , e si puo’ dire fu riscoperto,negli anni ’60 con la nuova generazione degli artisti Rock,in particolare grazie a una raccolta edita dalla Paramount chiamata KING of the Delta Blues Singer che ado’ letteralmente…a ruba, tanto che fu ristampata nel 1969 e infine nel 1970. Artisti come Eric Clapton e i Cream contribuirono nettamente alla rinascita della sua stella incidendo una nuova versione di Crossoroads Blues,per non parlare dei Rolling Stones che uscirono di senno con la loro versione di Love in Vain e Stop Breakin Down Blues. Ma gia’ tempo prima artisti meno noti avevano cercato di tirar fuori Johnson dalla sua tomba:
nel 1951 Elmore James aveva registrato una sua (particolarissima) versione di I Believe I dust my broom,che non ebbe il meritato successo,mentre la ormai celeberrima Sweet Home Chicago era diventata il vessillo di moltissimi Bluesman d’eccezione,primo tra tutti Muddy Waters.
In realta’ Johnson incarnava una realta’ attualissima per i primi anni ’60 Americani: l’immagine di un antieroe dannato,maledetto e ossessionato dal demonio che canta il Blues frantumandolo dal di dentro ben si sposava con la natura Hippie e pacifista della nuova generazione Americana.Egli nelle sue canzoni ” grida ” letteralmente il dolore esistenziale di una societa’ che non trova piu’ dentro se stessa efficaci punti di riferimento e che,con spasmodica angoscia,si lancia verso un futuro oscuro e denso di incognite.
Se vogliamo la produzione di Johnson e’ piena di donne, alcool e violenza,esattamente come nella piu’ pura tradizione blues. Eppure e’ percepibile il suo forte disgusto verso cio’ che egli stesso narra e di cui non e’ affatto fiero. Il suo ritmo ossessivo da boogie nenonato,la sua voce stridula e nasale,le pause tra le parole, l’utilizzo delle microtonalita’e i testi articolati in cui spicca la sua devastazione morale, il suo sentirsi un ” bastardo senza patria” inseguito dai ” diavoli del rimorso”operarono un transfert di grande impatto sui musicisti dell’epoca ammalati della sua stessa malattia. Usciti fuori da un decennio di benessere e di sani principi familiari i ” ragazzi del ’60” si sentono stritolati da una societa’ in cui la tradizione ha il sapore di uniformita’ e in cui il concetto di Patria va troppo a braccetto con la parola GUERRA. Sara’ poi la campagna del Vietnam e la spaccatura che ne consegue a dare loro la giusta voce; nel frattempo il mondo esige un cambiamento e questo regolarmente avviene, come sempre,attraverso la musica.Nasce quindi la generazione ROCK.

Molti affermano che nel Rock sia presente una matrice Satanista. La liberta' sessuale espressa sin dagli inizi con i movimenti hippie degli anni '60,le Messe nere e i messaggi subliminali inseriti nei brani Rock ne sono forse un esempio?

Molti affermano che nel Rock sia presente una matrice Satanista. La liberta’ sessuale espressa sin dagli inizi con i movimenti hippie degli anni ’60,le Messe nere e i messaggi subliminali inseriti nei brani Rock ne sono forse un esempio?

Essere Rock,nell’America del tempo, equivale a “rompere con gli schemi,confutare la tradizione,mettere in discussione le convenzioni e anelare a una societa’di vera aggregazione,in cui i concetti di Umanita’ e Progresso non siano parole scritte su carta.
E’ indicativo quindi,e anche naturale, che Johnson con la sua musica maledetta e le sue innovazioni stilistiche,che tendevano a fare della chitarra la ” vera voce dell’anima”,venissero utilizzate come punto di partenza per la costruzione di questo nuovo mondo.
Inoltre il Satanico Artista ,con i suoi brani deliranti ed evocativi, i testi in cui si autodefinisce ” dannato”,il suo evidente disprezzo per le donne e la descrizione fin troppo particolareggiata di un stile di vita degradata e dedita al vizio,NON PUO’ non essere un’icona ideale per una generazione che fa del suo atteggiamento di rottura uno stile di vita. E poi, la famosa triade ” droga sesso e rock’n roll” su cui si e’ poggiata tutta una generazione di giovani Americani tra gli anni ’60 e ’70 non prende ampio spunto dalla Johnsoniana condotta ” alcool donne e Blues”?
Malignamente posso suggerire che forse non e’ tutto oro quello che luce. Una delle caratteristiche che resero celebre Johnson e gli dettero sempiterna memoria fu il suo ritmo esuberante ed eclettico,molto diverso da quello dei Bluesman del Delta degli anni ’30. Per darvi l’idea ,quando Keith Richards ascolto’ per la prima volta una delle sue incisioni,si chiese: ” Ma chi e’ l’altro chitarrista che suona con lui?” poiche’ non si era accorto che Johnson era da solo. Cio’ perche’ manteneva un ritmo articolato e veloce e la sua voce dissonante e nasale aveva il colore di un vero ” grido”.

Ascolta la mia musica blues inedita!

Tuttavia esistono dichiarazioni autentiche del Direttore Esecutivo della Sony Berhil Cohen Porter,che vinse un Grammy nel 1991 per la ristampa delle opere di Johnson, riguardo la possibilita’ che le incisioni del 1936/1937 potessero essere state velocizzate,un vezzo tipico della coppietta Okeh/Vacalion che amavano fare bizzarrie simili .Nel 2010 fu poi Jon Wilde nel famoso magazine musicale THE GUARDIAN a sottolineare che le registrazioni di Johnson fossero state volutamente accellerate per conferire un ” tocco di modernita’” all’insieme. Difficile dire come stanno realmente le cose,giacche’ le matrici originali dei 78 giri dell’epoca non esistono piu’.Ma se cio’ fosse vero,la musica di Robert Johnson,definito il NONNO DEL ROCK,andrebbe forse reinterpretata.

Un'iconografia classica che sembra associare Robert Johnson  al Satanismo.

Un’iconografia classica che sembra associare Robert Johnson al Satanismo.

Invero egli entro’ nella ROCK’N ROLL HALL OF FAME con quattro canzoni di taglio NON Blues ma Rock. Precisamente con :
Sweet Home Chicago e Cross Roads Blues del 1936,e Hellhound on my Trail e Love in Vain, del 1937. D’altra parte ,senza la sua leggenda,forse OGGI l’universo della musica Rock non sarebbe lo stesso,vista la sua influenza su mostri sacri come Eric Clapton,che ha iniziato la carriera proprio sulla scia delle musiche del maestro; o Led Zeppelin che lo omaggio’con la sua TRAVELING RIVERSIDE BLUES in cui i riferimenti alla musica e ai testi delle canzoni di Johnson si sprecano! Insomma, da Jeremy Spencer a Fletwood Mac a Peter Green America e Inghilterra si sono strette la mano per consacrare Johnson ” Maestro Spirituale”della nuova Era.
Quel che e’ sicuro e’ che Robert Johnson non godette mai del suo successo e che ebbe una morte prematura e oscura. Neanche il luogo della sua sepoltura e’ noto e cio’ ha alimentato per anni la leggenda che forse egli non e’ mai esistito. Ma a me i misteri non piacciono e ho cercato di venirne a capo. Ecco quello che ho scoperto per voi…..
(continua)

Ascolta e Acquista una delle mie cover!
BASTA UN DOLLARO!

La sua famosissima TERRAPLANE BLUES del 1936,l’unica incisione che Johnson riusci’ ad ascoltare e quella che gli fece vendere 6000 copie nella prima settimana!


Poco conosciuto questo brano del 1936 che mostra una spiccata capacita’ strumentale del giovane Johnson e un ritmo..invidiabile!


Molto elegante questa Love in Vain del 1938 dal testo dichiaratamente..Rock!
BUON ASCOLTO!

Annunci

One thought on “Robert (Leroy) Johnson : il mistero in una foto

  1. Fantastic article . I entirely trust each of the points along with helpful critique. You have got a brand new audience and I am likely to look at the blog site very often.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...